In questa guida trasformeremo il Raspberry Pi in un sistema di sorveglianza Video, in grado di registrare e trasmettere streaming il segnale video,  e non solo! Il sistema sarà ingrado di rivelare il movimento e di conseguentemente effettuare operazioni o eseguire script in Python. Per esempio, inviare una mail o notifica dell’intrusione, oppure caricare direttamente su Drive foto e video dell’intrusore.

Tra le varie possibilità che consentono di utilizzare Raspberry Pi come sistema di sicurezza, quello che vedremo in questa guida è il più semplice ed immediato. Tuttavia, in altri tutorial verranno affrontate tecniche di Machine Learning che permettono il riconoscimento dei movimenti, oppure impostare determinate azioni in base al movimento.

MATERIALE NECESSARIO

  • Raspberry Pi 3 model B
    N.B. La versione 3 ha il modulo WiFi e Bluethoot integrato, elementi che semplificano i nostri progetti evitandoci di dover comprare semparatamente i suddetti moduli
  • Camera per Raspberry Pi (8mega pixel V2)
    Grazie alla camera appositamente studiata per Raspberry Pi, potremo operare in tutta comodità con questo ed altri progetti che richiedono una periferica video
  • Scheda SD (minimo 8 giga, consigliata 16-32 giga)
    Visti i costi irrisori è ampiamente consigliato acquistare 1 o più schede SD da oltre 16 giga
  • Case protettivo
    Non è strettamente necessario, ma vi permetterà di tenere protetto il vostro Raspberry PI
  • Alimentatore micro USB
    Va bene quello della maggior parte dei cellulari, oppure potete acquistare uno per pochi euro

 

⇒ STEP 1 (Download MotionPie)

Il sistema operatico a cui ci affideremo per trasformare il Raspberry Pi in un sistema di sicurezza è MotionPie (recentemente rinominato MotionPieOs), ed è un sistema operativo basato su MotionEye. Per i più curiosi, quest’ultima è appunto un’interfaccia web designata per accedere la propria camera tramite web-browser.

Download
  • Puoi scaricare MotionPieOs cliccando QUI – Download
  • Utilizza Win32 DiskImager per scrivere l’immagine .iso precedentemente estratta sulla micro SD da inserire nel Raspberry Pi
  • Inserisci la micro SD nel raspberry pi e siamo pronti per il primo avvio!

⇒ STEP 2 (SETUP)

Per il primo avvio è necessario collegare un cavo Ethernet dal router al Raspberry Pi, per condividere la connessione Internet. Successivamente non sarà più necessario e basterà impostare la connessione tramite WiFi.

Collega l’alimentatore al Raspberry Pi e accediamo a MotionPie

  • Se utilizzi Windows, dovresti essere in grado di vedere un computer nel tuo Network con un nome simile a questo “MP-E28D9CE5″. Puoi aprire il browser e digitare nella barra degli inirizzi http://MP-E28D9CE5, dove la stringa alfanumerica è ovviamente il nome che ti è apparso.
  • Alternativamente, trova l’indirizzo IP associato accedendo alla pagina del Router (http://192.168.1.1/)

La prima volta dovrai:

  • Accedere con il nome utente admin (la password puoi lasciarla vuota e cambiarla successivamente)
  • Selzionare in alto a sinistra la camera montata sul RaspberryPi
  • Settare i diversi parametri

 

⇒ STEP 3 (settare i parametri)

MotionPieOs presenta una grande varietà di parametri ed opzioni che possono essere settati per le più disparate esigenze.

In questa guida vengono affrontati i principali (guarda anche la video-guida associata per capire efficacemente come funziona l’interfaccia di MotionPieOs).

  • GENERAL SETTING
    In questo menu puoi impostare password e username, oltre che gestire impostazioni di backup, updating e ora.
  • WIRLSESS NETWORK
    E’  qui possibile configurare la connessione wireless.
  • EXPERT SETTINGS
    Questo menu permette di impostare opzioni avanzate, quali la possibilità di trasmettere al di fuori della rete domestica. Questo è possibile aprendo delle porte sul proprio router. Si rimanda al forum o a QUESTA GUIDA per ulteriori dettagli.
  • VIDEO DEVICE
    Permette di impostare molti parametri importanti quali luminosità, contrasto, risoluzione, etc.
    Inoltre, è in questo menu che potete “routare” l’angolo della vostra camera, dato che spesso risulta “capovolta” in seguito al montaggio.
  • FILE STORAGE
    Imposta la cartella dove salvare le registrazione.
    Inoltre permette di impostare funzioni importanti quali l’upload automatico su Google Drive; impostare script o query online.
  • TEXT OVERLAY
    Imposta semplicemente le scritte in sovraimpressione quali data ed ora.
  • VIDEO STREAMING
    Menu che permette di impostare la qualità dello streaming, e altre funzioni importanti quali i link per lo streaming e quali porte aprire.
  • STILL IMAGES/MOVIES
    Nome e qualità degli screenshot.
  • MOTION DETECTION
    Funzione importantissima che permette di impostare le funzioni di “rilevazione del movimento”.
  • MOTION NOTIFICATION
    Funzione altrettanto importante che gestisce le modalità di notifica in caso di movimenti rilevati.
    Include la possibilità di inviare e-mail, impostare script Python o lanciare un URL.
  • WORKING SCHEDULE
    Come suggerisce il nome, imposta l’attività operativa di motionEye, in base al giorno e all’ora.

 

Per ogni dubbio o domanda su MotionEyeOs non esitare a chiedere! Posta un commento qui, oppure scrivi sul FORUM per una migliore assistenza!

2 Comments

  1. Salve, non trovo la versione di win32 diskimager per Mac. Vorrei sapere come trasferire MotionEye da Mac su sd, in modo tale da poter utilizzare il pi come telecamera di sorveglianza. Grazie in anticipo

  2. Nikozzon says:

    Ciao,
    Vi seguo da un po’ e adoro i vostri video perché spiegati davvero bene. Complimenti!
    Volevo chiedervi due cose:
    1) è possibile installare una camera notturna? Cosa cambia a livello di confogurazione?
    2) è possibile inviare la foto o i video direttamente su telegram?
    Grazie in anticipo!

    Ciao

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*