In questa guida trasformeremo il Raspberry Pi in un sistema di sorveglianza Video, in grado di registrare e trasmettere streaming il segnale video,  e non solo! Il sistema sarà ingrado di rivelare il movimento e di conseguentemente effettuare operazioni o eseguire script in Python. Per esempio, inviare una mail o notifica dell’intrusione, oppure caricare direttamente su Drive foto e video dell’intrusore.

Tra le varie possibilità che consentono di utilizzare Raspberry Pi come sistema di sicurezza, quello che vedremo in questa guida è il più semplice ed immediato. Tuttavia, in altri tutorial verranno affrontate tecniche di Machine Learning che permettono il riconoscimento dei movimenti, oppure impostare determinate azioni in base al movimento.

MATERIALE NECESSARIO

  • Raspberry Pi 3 model B
    N.B. La versione 3 ha il modulo WiFi e Bluethoot integrato, elementi che semplificano i nostri progetti evitandoci di dover comprare semparatamente i suddetti moduli
  • Camera per Raspberry Pi (8mega pixel V2)
    Grazie alla camera appositamente studiata per Raspberry Pi, potremo operare in tutta comodità con questo ed altri progetti che richiedono una periferica video
  • Scheda SD (minimo 8 giga, consigliata 16-32 giga)
    Visti i costi irrisori è ampiamente consigliato acquistare 1 o più schede SD da oltre 16 giga
  • Case protettivo
    Non è strettamente necessario, ma vi permetterà di tenere protetto il vostro Raspberry PI
  • Alimentatore micro USB
    Va bene quello della maggior parte dei cellulari, oppure potete acquistare uno per pochi euro

 

⇒ STEP 1 (Download MotionPie)

Il sistema operatico a cui ci affideremo per trasformare il Raspberry Pi in un sistema di sicurezza è MotionPie (recentemente rinominato MotionPieOs), ed è un sistema operativo basato su MotionEye. Per i più curiosi, quest’ultima è appunto un’interfaccia web designata per accedere la propria camera tramite web-browser.

Download
  • Puoi scaricare MotionPieOs cliccando QUI – Download
  • Utilizza Win32 DiskImager per scrivere l’immagine .iso precedentemente estratta sulla micro SD da inserire nel Raspberry Pi
  • Inserisci la micro SD nel raspberry pi e siamo pronti per il primo avvio!

⇒ STEP 2 (SETUP)

Per il primo avvio è necessario collegare un cavo Ethernet dal router al Raspberry Pi, per condividere la connessione Internet. Successivamente non sarà più necessario e basterà impostare la connessione tramite WiFi.

Collega l’alimentatore al Raspberry Pi e accediamo a MotionPie

  • Se utilizzi Windows, dovresti essere in grado di vedere un computer nel tuo Network con un nome simile a questo “MP-E28D9CE5″. Puoi aprire il browser e digitare nella barra degli inirizzi http://MP-E28D9CE5, dove la stringa alfanumerica è ovviamente il nome che ti è apparso.
  • Alternativamente, trova l’indirizzo IP associato accedendo alla pagina del Router (http://192.168.1.1/)

La prima volta dovrai:

  • Accedere con il nome utente admin (la password puoi lasciarla vuota e cambiarla successivamente)
  • Selzionare in alto a sinistra la camera montata sul RaspberryPi
  • Settare i diversi parametri

 

⇒ STEP 3 (settare i parametri)

MotionPieOs presenta una grande varietà di parametri ed opzioni che possono essere settati per le più disparate esigenze.

In questa guida vengono affrontati i principali (guarda anche la video-guida associata per capire efficacemente come funziona l’interfaccia di MotionPieOs).

  • GENERAL SETTING
    In questo menu puoi impostare password e username, oltre che gestire impostazioni di backup, updating e ora.
  • WIRLSESS NETWORK
    E’  qui possibile configurare la connessione wireless.
  • EXPERT SETTINGS
    Questo menu permette di impostare opzioni avanzate, quali la possibilità di trasmettere al di fuori della rete domestica. Questo è possibile aprendo delle porte sul proprio router. Si rimanda al forum o a QUESTA GUIDA per ulteriori dettagli.
  • VIDEO DEVICE
    Permette di impostare molti parametri importanti quali luminosità, contrasto, risoluzione, etc.
    Inoltre, è in questo menu che potete “routare” l’angolo della vostra camera, dato che spesso risulta “capovolta” in seguito al montaggio.
  • FILE STORAGE
    Imposta la cartella dove salvare le registrazione.
    Inoltre permette di impostare funzioni importanti quali l’upload automatico su Google Drive; impostare script o query online.
  • TEXT OVERLAY
    Imposta semplicemente le scritte in sovraimpressione quali data ed ora.
  • VIDEO STREAMING
    Menu che permette di impostare la qualità dello streaming, e altre funzioni importanti quali i link per lo streaming e quali porte aprire.
  • STILL IMAGES/MOVIES
    Nome e qualità degli screenshot.
  • MOTION DETECTION
    Funzione importantissima che permette di impostare le funzioni di “rilevazione del movimento”.
  • MOTION NOTIFICATION
    Funzione altrettanto importante che gestisce le modalità di notifica in caso di movimenti rilevati.
    Include la possibilità di inviare e-mail, impostare script Python o lanciare un URL.
  • WORKING SCHEDULE
    Come suggerisce il nome, imposta l’attività operativa di motionEye, in base al giorno e all’ora.

 

Per ogni dubbio o domanda su MotionEyeOs non esitare a chiedere! Posta un commento qui, oppure scrivi sul FORUM per una migliore assistenza!

One Comment

  1. Nikozzon says:

    Ciao,
    Vi seguo da un po’ e adoro i vostri video perché spiegati davvero bene. Complimenti!
    Volevo chiedervi due cose:
    1) è possibile installare una camera notturna? Cosa cambia a livello di confogurazione?
    2) è possibile inviare la foto o i video direttamente su telegram?
    Grazie in anticipo!

    Ciao

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*